Che cos’è?

Si tratta di una’agevolazione per le micro, piccole e medie imprese che prevede un contributo di importo non superiore a 10 mila euro, finalizzato all’adozione di interventi di digitalizzazione dei processi aziendali e di ammodernamento tecnologico.

Ciascuna impresa può beneficiare di un unico voucher di importo non superiore a 10 mila euro, nella misura massima del 50% del totale delle spese ammissibili. Maggiori informazioni si trovano sul sito del MISE e sulle FAQ.

Quando?

A partire dal 15 gennaio alle ore 10:00 è consentita la compilazione delle domande di accesso. Le istanze potranno essere successivamente inviate dalle ore 10:00 del 30 gennaio 2018 e fino alle ore 17:00 del 9 febbraio 2018. Le domande per l’accesso devono essere presentate esclusivamente attraverso l’apposita procedura informatica.

Vediamo insieme come funziona la procedura:

Innanzitutto, prima di accedere preparati:

  • la casella PEC attiva e registrata nel Registro delle imprese
  • la Carta nazionale dei servizi e del relativo PIN rilasciato con la stessa
  • una marca da bollo da 16,00 euro
  • i preventivi per le spese cui vuoi richiedere il finanziamento

ACCESSO CON CSN: per presentare la domanda si deve accedere ed autenticarsi al portale attraverso la propria carta nazionale dei servizi

MODIFICA PROFILO: al primo accesso sarà necessario inserire i propri dati anagrafici ed, eventualmente, quelli dell’impresa di cui si è legali rappresentanti

GESTIONE DELEGHE: è possibile inserire i nomi di chi sono delegati a presentare le istanze. Il delegato deve essere interno all’organizzazione

CREA ISTANZA: si deve selezionare l’impresa per cui viene richiesto il voucher ed il sistema effettua gli accertamenti sui requisiti di ammissibilità

ANAGRAFICA: si trovano preimpostati i dati identificativi dell’impresa ed i dati del firmatario dell’istanza  (da verificare). I dati non sono modificabili, in caso di errori è necessario tornare alla sezione “modifica profilo”

DICHIARAZIONI: si trovano precaricati alcuni dati dell’impresa, è necessario compilare le dichiarazioni:

  • relative al soggetto, sul rating di legalità e sulla dimensione dell’impresa
  • relative alla dimensione, sulla tipologia (autonoma o associata) e sui dati per il calcolo della dimensione
  • altre dichiarazioni, in cui va inserito il numero identificativo della marca da bollo da 16,00 euro che è stata preventivamente acquistata.

Di seguito riporto uno schema con gli elementi utili per il calcolo della dimensione dell’impresa:

CATEGORIA DIPENDENTI e FATTURATO

(MILIONI)

oppure

TOTALE

DI BILANCIO

Microimpresa

meno di 10 e ≤ 2 oppure

≤ 2

Piccola impresa

meno di 50 e ≤ 10 oppure

≤ 10

Media impresa meno di 250 e ≤ 50 oppure

≤ 43

  • de Minimis: va dichiarata la natura dell’impresa in relazione alla presenza o meno di relazioni con altre imprese tali da configurare l’appartenenza ad un’impresa unica e se è stato o meno concesso, nell’esercizio 2018 e nei due precedenti (2016 e 2017) alcun aiuto de minimis
  • sulle attività svolte: bisogna indicare il settore economico di appartenenza selezionandolo dal menù

SELEZIONE DEL PROGETTO: a questo punto, dopo aver selezionato la sede dell’attività, vanno inserite le informazioni relative al/ai progetto/i di cui si vuole richiedere il finanziamento, indicando:

  • l’ambito di intervento, tra i 6 ambiti previsti. La prima scelta dovrà essere tra le prime tre voci a disposizione
  • la tipologia di bene/servizio
  • l’importo al netto dell’Iva

AGEVOLAZIONE RICHIESTA: Si deve indicare l’importo, non superiore ai 10.000 euro, di valore minore o uguale alla metà del costo del progetto, calcolato sulla base di eventuali agevolazioni già ricevute (Regolamento de Minimis). La voce del costo del progetto non è modificabile, ma viene precaricata in base alle informazioni inserite.

ALLEGATI: alla domanda deve essere allegato il prospetto dei dati certificati dal Registro imprese (generato automaticamente dalla procedura informatica) e, nel caso l’impresa proponente sia associata/collegata, il prospetto recante i dati per il calcolo della dimensione d’impresa, redatto utilizzando l’apposito modello prospetto_calcolo_parametri_dimensionali.

SINTESI: si deve verificare se la compilazione delle varie sezioni è corretta. Se sono presenti errori o informazioni mancanti è possibile modificarle cliccando su “correggi errori”. Se invece non sono presenti errori, il sistema segnala che l’istanza risulta compilata correttamente.

FIRMA: A questo punto è possibile scaricare il modulo in PDF sul proprio pc, firmarlo digitalmente con la propria firma digitale, allegare il modulo firmato e caricare l’istanza. Il sistema fornisce quindi un CODICE DI PREDISPOSIZIONE DOMANDA

INVIO: Finalmente, dopo aver inserito nell’apposito spazio il “codice di predisposizione domanda”, è possibile inviarla!!

Una volta inviata è possibile stampare la ricevuta e monitorare lo stato della pratica accedendo dal menù tra le “istanze inviate”.

Cosa succede dopo?

Entro 30 giorni dalla chiusura dello sportello il Ministero adotterà un provvedimento cumulativo di prenotazione del Voucher, su base regionale, contenente l’indicazione delle imprese e dell’importo dell’agevolazione prenotata.

Ai fini dell’assegnazione definitiva e dell’erogazione del Voucher, l’impresa iscritta nel provvedimento cumulativo di prenotazione dovrà presentare, entro 30 giorni dalla data di ultimazione delle spese e sempre tramite l’apposita procedura informatica, la richiesta di erogazione, allegando, tra l’altro, i titoli di spesa.

Dopo aver effettuato le verifiche istruttorie, il Ministero determinerà con proprio provvedimento l’importo da erogare in relazione ai titoli di spesa risultati ammissibili.

 

IN BOCCA AL LUPO!!