LA CESSIONE DEL DIRITTO D’AUTORE

Nella prima parte di questo focus “Da hobby a professione” ho affrontato il tema della collaborazione occasionale. Oggi cerco di approfondire un’altra modalità che esclude sia il lavoro dipendente sia l’apertura della partita Iva: LA CESSIONE DEL DIRITTO D’AUTORE

A chi è rivolto?

La norma prevede che possano formare oggetto del diritto d’autore, le opere dell’ingegno di carattere creativo che appartengono alle scienze, alla letteratura, alla musica, alle arti figurative, all’architettura, al teatro e alla cinematografia, qualunque ne sia il modo o la forma di espressione.

Nella pratica, con la cessione dei diritti d’autore vengono spesso regolate le collaborazioni nel settore dell’editoria e delle traduzioni, ma anche nell’ambito del giornalismo, della pubblicità e del marketing (sia tradizionale sia web).

Può quindi interessare, ad esempio, scrittori, traduttori, autori televisivi, editor, copywriter, giornalisti …

Come si fa il contratto?

Non si tratta di un vero e proprio contratto di lavoro (come la collaborazione occasionale o il contratto di prestazione d’opera con Partita IVA), ma semplicemente l’autore acconsente allo sfruttamento di una sua opera in cambio di un corrispettivo.

Per questa ragione, nel contratto non può mai:

  • essere previsto un orario di lavoro
  • essere richiesta la realizzazione del lavoro in una sede fisica predefinita.

Sul contratto, sottoscritto da entrambe le parti, devono essere inseriti i dati anagrafici, la tipologia di lavoro (ossia l’opera realizzata, ad esempio il testo da scrivere, la traduzione da realizzare), quali diritti vengono ceduti, il compenso pattuito e le modalità di pagamento.

Come emettere la ricevuta?

Il corrispettivo pagato all’autore è assoggettato ad una ritenuta del 20% (che viene elevata al 30% nel caso di soggetto non residente in Italia) su una base imponibile così quantificata:

  • il 60% del compenso, per gli autori con meno di 35 anni (ovvero viene prevista una deduzione forfettaria del 40%);
  • il 75% del compenso, per autori con età pari o superiore ai 35 anni (ovvero viene prevista una deduzione forfettaria del 25%);

Facciamo un esempio: un autore percepisce un compenso di 1.000 euro:

Se di età inferiore ai 35 anni, la sua ricevuta sarà questa:

RICEVUTA DIRITTO D’AUTORE inf 35 anni

Se di età superiore ai 35 anni, la sua ricevuta sarà invece questa:

RICEVUTA DIRITTO D’AUTORE sup 35 anni

Importante è ricordarsi che va applicata una marca da bollo di 2,00 euro sull’originale. Per sapere come farlo, leggi qui.

Come si dichiara?

Il reddito per la cessione del diritto d’autore deve essere inserito alla voce “Altri redditi” della Dichiarazione, in cui deve essere indicata anche la deduzione forfettaria (del 40 o del 25%) e la ritenuta subita.

Questi redditi sono tassati “per cassa”, ovvero vanno considerati nel periodo in cui vengono effettivamente percepiti e non in base alla stipula del contratto.

Si deve versare l’INPS?

Dal punto di vista previdenziale il reddito per lo sfruttamento del diritto di autore risulta soggetto a imposizione nel solo caso in cui derivi dall’esercizio abituale, anche se non esclusivo, di arti e professioni.

Nel caso in cui l’autore non sia iscritto a una cassa professionale (ad esempio l’INPGI per i giornalisti) non sussiste alcun obbligo contributivo nei confronti della Gestione separata INPS .

Come approfondire?

Dal punto di vista normativo, il diritto d’autore, quale sfruttamento economico di un’opera di ingegno, è regolato:

Allora, pronto per trasformare il tuo hobby in professione?

Nel prossimo post, conclusivo di questa “trilogia”, parlerò di apertura della partita IVA … stay tuned.

12 Comments

  1. Buongiorno, articolo interessante ma come funziona se il committente ha sede all’estero e paga il netto rilasciando ricevuta? Grazie

    • Laura Benetti

      30 Marzo 2020 at 15:15

      Buongiorno, se il committente è estero non può essere un sostituto d’imposta e quindi non si applica la ritenuta. Un saluto

  2. Grazie mille del chiarimento, davvero molto interessante. Se ho ben inteso, dunque, se sono un dipendente posso tranquillamente cedere diritti d’autore scrivendo articoli senza avere alcun tetto massimo. Non pagherò mai contributi su queste somme. Per quanto riguarda l’Irpef, la ritenuta d’acconto esaurisce l’obbligazione fiscale oppure quel reddito si cumulerà con i miei redditi di lavoro dipendente e dovrò dunque pagarci l’imposta progressiva? (e quindi versare un delta se l’aliquota è superiore al 20%)?

    • Laura Benetti

      30 Marzo 2020 at 15:14

      Ciao, le ritenute sono a titolo di acconto e quindi i redditi andranno inseriti in dichiarazione e si sommeranno agli altri eventuali redditi. Sul totale verrà calcolato l’IRPEF dovuta e si scomputeranno le ritenute già versate, appunto, in acconto. Un saluto

  3. la ritenuta del 20% sul corrispettivo pagato all’autore (ad esempio freelance articolista), può essere pagata dal committente in veste di sostituto d’imposta?

    • Laura Benetti

      30 Marzo 2020 at 15:13

      La ritenuta d’acconto va pagata dal committente titolare di partita iva come sostituto d’imposta. Un saluto

  4. Grazie del post, vorrei sapere se la numerazione progressiva delle ricevute/fatture è indipendente da che si tratti di ricevute di cessione del diritto d’autore o ricevute di lavoro autonomo occasionale. Oppure seguono due ordini diversi e mi troverò con due ricevute n°1? una di cessione dei diritti e l’altra di lavoro autonomo occasionale?

    grazie!

    • Laura Benetti

      30 Marzo 2020 at 15:12

      Ciao Alessia, si tratta di due ricevute differenti per differenti tipologie di redditi, quindi devono seguire una numerazione diversa. Un saluto

  5. Complimenti per l’articolo! Una domanda: nel caso che una società di produzione americana comprasse i diritti del libro di una scrittrice italiana per la realizzazione del libro, la scrittrice italiana cosa dovrebbe pagare? Dovrebbe pagare sempre la ritenuta di acconto? Nel concreto, vale sempre l’esempio del 1000 euro che hai fatto? Del 20% sul 75%?
    Grazie!!!

    • Laura Benetti

      4 Giugno 2020 at 13:26

      Ciao, mi fa piacere che l’articolo sia stato utile.
      In linea generale, quanto l’attività legata allo sfruttamento del diritto di autore viene svolta per un soggetto committente estero, il prestatore italiano non deve essere assoggettato a ritenuta, perchè il committente non può qualificarsi come “sostituto di imposta” italiano. Sarà quindi necessario rilasciare ricevuta, senza l’applicazione della ritenuta d’acconto.
      Tuttavia, è importante, se ti trovi in questa fattispecie, confrontarti con un dottore commercialista esperto in fiscalità internazionale, per verificare se ci sono convenzioni internazionali tra l’Italia e il Paese estero in questione, che potrebbero prevedere l’applicazione di una ritenuta ridotta.

      • Grazie mille per la risposta e la disponibilità! Sei gentilissima!
        In questo caso, il Paese dovrebbe essere New York. In rete non ho trovato nulla. Forse, non vi è alcuna ritenuta. Comunque, proverò a fare una ricerca più approfondita, speriamo di trovare qualcosa.
        Grazie ancora per la gentilezza!

  6. Salve, Laura! La disturbo per una nuova domanda. Nella fattura, cosa si deve mettere come dicitura riguardo al fatto che non si paga la ritenuta di acconto in quanto committente estero? Qual è l’articolo o legge da includere? Grazie se mi vorrà rispondere.
    Una buona serata.
    Luana

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

© 2020 Studio Laura Benetti – Blog

CUSTOM DESIGNED WITH ♡♡♡ BY CARMEN TORTORELLAUp ↑